IL PROFUMO DI LEA

I personaggi del romanzo sono giovani trentenni: Viviana, Marta, Ilenia, Alberto, Giulio, Noemi Marco e altri .... con il loro bagaglio di progetti e di sogni che sperano di realizzare. Gli amori, gli abbandoni si susseguono ma infine trionfano l’amore e l’amicizia. L’autrice accenna al tema della follia in modo astratto e personale. Fra le righe dell’epilogo traspare la serenità dallo sguardo e dagli atteggiamenti di Noemi e degli amici che interagiscono in un mondo immaginario conforme alla loro indole. È il romanzo dei buoni sentimenti, anche la violenza è sconfitta. La narratrice è Marta, una regista che si mette alla prova elaborando il canovaccio della narrazione. Sulla soglia dei trentacinque anni, Marta pensa al futuro e teme di restare sola. “Chi mi salverà dagli isterismo tipici delle zitelle?”. Si rassicura pensando che le donne della sua età hanno tante risorse nella vita professionale e privata. Marta sa di aver amato uomini sbagliati, ma ciò che conta ora è la serenità interiore, non la felicità di pochi momenti.