Un Posto dove stare

Un Posto dove stare

Fin da bambina mi sono inventata storie con personaggi che interagivano nella Storia, la Storia, la Lettura e i Giochi di Ruolo sono la mia passione. Con questo racconto ho cercato di raccontare momenti della storia della mia città. Una storia che molti non conoscono, perché Livorno è soprattutto “un posto dove stare”. Bene o male non importa: ci sì sta… E come siamo bravi a parlarne male, fra di noi, s’intende; perché guai a “qualcuno di fuori” (e senza andare troppo lontano, Collesalvetti è già “fuori”) che si azzardi a fare altrettanto! Possiamo girare il mondo in lungo e in largo, ma come a Livorno un Livornese non starà mai e alla fine troverà il modo di tornarci perché gli manca il libeccio, gli scogli, la fortezza, i quattro mori, la terrazza e i fossi. Per noi Livorno sarà sempre un “buon posto dove stare”. I personaggi e le famiglie di cui si seguono le vicende sono di pura fantasia, così come i loro ruoli nei fatti storici. Tuttavia ho cercato di inserire le loro storie in mezzo a persone (quelle con il simbolo *) ed eventi realmente esistiti, o che sarebbero potuti esistere. E’ attraverso loro che provo raccontare la storia di “un posto dove stare”. ...Io mi sono divertita a scriverlo, a fare le ricerche negli archivi di stato a Livorno e Firenze, a cercare nelle biblioteche fonti e immagini su cui dipanare la mia storia...spero che vi piaccia... Eva Fedi